Star Bene

Tutti i consigli per stare bene e vivere al meglio

Consigli contro la stitichezza

 Come riconoscere la stitichezza

Si parla di stitichezza quando le evacuazioni avvengono troppo raramente (meno di una volta ogni tre giorni), in modo difficoltoso, con sensazione di incompleto svuotamento intestinale e le feci sono troppo dure. Questa condizione riguardi circa il 15 per cento della popolazione, specialmente donne e anziani. Spesso la stipsi, associata a dolore e gonfiore addominale, presentare un decorso variabile nel tempo. In periodi di stress o di improvvisi cambi di alimentazione, si può presentare una stitichezza cosiddetta occasionale, in altri casi, come la sindrome dell'intestino irritabile variante stipsi (IBS-C) o disfunzioni della motilità intestinale, si può soffrire di stitichezza cronica.
La stitichezza cronica può ridurre notevolmente la qualità della vita, tuttavia nella maggior parte dei casi il problema può essere gestito seguendo una dieta adeguata e uno stile di vita sano, magari con l'aggiunta di qualche integratore alimentare naturale.

Alimentazione, integratori e stile di vita 

Quando si soffre di stitichezza il primo passo è cambiare in meglio il proprio stile di vita, adottando regolarmente alcune semplici abitudini, che favoriscono la regolarità intestinale:
- Prediligere una dieta ricca di fibre, almeno 20-35 grammi di fibre ogni giorno.
- Bere almeno due litri di acqua al giorno.
- Praticare regolare attività fisica per favorire la funzionalità intestinale.
- Dare un giusto tempo alle funzioni intestinali: approfittare del “riflesso gastro-colico” dopo la prima colazione, ovvero aspettare lo stimolo naturale dell’evacuazione che spesso insorge subito dopo la colazione.
- Quando con la dieta non si riesce ad integrare la giusta quantità di fibre (lavoro fuori casa, impegni in pausa pranzo etc…) si può ricorrere a degli integratori alimentari alimentari a base di fibre. Ma non tutte le fibre sono uguali! Ad esempio la fibra di psyllium, proveniente dal seme della pianta Plantago ovata, svolge un’importante azione prebiotica e contribuisce a ripristinare le fisiologiche funzioni intestinali. La fibra a contatto con l’acqua, forma un gel delicato che favorisce la formazione di feci soffici e voluminose, oltre a nutrire la flora intestinale.
- Nei momenti di stipsi acuta, fare attenzione ai lassativi: meglio puntare su quelli osmotici con estratti naturali, che richiamano acqua nell'intestino ammorbidendo le feci così da facilitarne l'espulsione.
- Evitare l’eccesso di rimedi "fai da te" per riattivare l'intestino: nel lungo termine può essere dannoso.

Share:

Seleziona almeno un argomento e ricevi i consigli adatti a te.