Star Bene

Tutti i consigli per stare bene e vivere al meglio

Prurito cicatrice rimedi

Prurito cicatrice rimedi

Un piccolo incidente oppure un intervento chirurgico, o ancora un taglio cesareo, possono lasciare sulla nostra pelle cicatrici che talvolta faticano a scomparire nel tempo. A volte però questo segno oltre a rappresentare un inestetismo può causare anche fastidi: prurito e dolore, prima di tutti. Attenzione, però: non tutte le cicatrici causano questi disturbi. Generalmente questo capita quando siamo di fronte a processi cicatriziali particolarmente lenti che lasciano sulla pelle segni evidenti come i cheloidi e le cicatrici ipertrofiche. Facciamo però un passo indietro: esattamente, cos'è una cicatrice? Si tratta di tessuto che il nostro organismo produce per riparare la ferita: in questo modo, attraverso il deposito di nuovo materiale fibroso, il taglio che ci siamo procurati viene "riempito". Se questo in genere non lascia segni, specie quando la ferita è superficiale, in caso di tagli consistenti come ferite profonde e ferite chirurgiche, la pelle può reagire con una produzione abnorme di nuovo tessuto dando così luogo a segni molto evidenti e antiestetici. Sono queste a causare un prurito talvolta veramente fastidioso, legato proprio al processo cicatriziale stesso.

Perché si formano le cicatrici?

La tendenza a formare cicatrici ipertrofiche e cheloidi è in parte legata a una predisposizione individuale oltre che al tipo di pelle: quelle scure tendenzialmente hanno una maggiore facilità a formare cheloidi. Quest'ultimo in modo particolare può insorgere anche su lesioni piccole (a differenza della semplice cicatrice ipertrofica) e ha la caratteristica di superare i limiti della lesione iniziale. Purtroppo se asportato chirurgicamente tende a riformarsi, tanto che la soluzione definitiva resta generalmente quella della rimozione per mezzo di laser. Certamente però nei casi meno gravi gelcreme e lozioni specifiche, come ad esempio quelle a base di antinfiammatori naturali come l'acido ialuronico oppure il colostro, possono aiutare la guarigione e al contempo lenire fastidi e prurito associati. Ottima anche la vitamina E, che riequilibra l’idratazione.

Le caratteristiche dei cheloidi

Cheloidi e cicatrici ipertrofiche hanno caratteristiche ben evidenti: hanno un colorito inizialmente rosso per poi diventare rosa e successivamente marroncino, sono spesso lucidi, hanno un aspetto irregolare e una consistenza gommosa, sono privi di follicoli piliferi e tendono inoltre a comparire sulla parte superiore del tronco. Se l'osservazione della nostra pelle è importante, resta però vero che un'autodiagnosi è sbagliata: specie quando la lesione è particolarmente evidente, può essere utile una visita dermatologica così che il medico possa - se lo ritiene necessario - prescrivere ulteriori indagini più approfondite.

Share:

Seleziona almeno un argomento e ricevi i consigli adatti a te.