Star Bene

Tutti i consigli per stare bene e vivere al meglio

Proctiti: consigli utili

Sole e scottature: i rimedi

Dolore alla defecazione, bruciore anale, sensazione di dover defecare ma scarsa emissione di feci: sono sintomi particolarmente fastidiosi e spesso collegati a una proctite. Con questo termine si indica un’infiammazione a carico della mucosa rettale dovuta a varie cause. Semplificando molto possiamo dire che esistono proctiti di natura infettiva dovute a malattie trasmesse sessualmente come la gonorrea o la sifilide mentre i pazienti immunodepressi sono particolarmente a rischio per le infezioni da herpes simplex. Non vanno dimenticate inoltre le proctiti parassitarie e quelle prodotte dall’uso di farmaci come gli antibiotici e quelle da prolasso rettale. Comuni anche le cause collegate ad altre patologie intestinali, come la rettocolite ulcerosa e il morbo di Crohn.

Come si diagnostica la proctite

In molti casi la proctite è particolarmente fastidiosa e invalidante in quanto accompagnata da manifestazioni anche molto dolorose e da perdita di sangue, muco e talvolta pus. In ogni caso una diagnosi tempestiva evita conseguenze anche gravi. Si parte da un esame obiettivo con esplorazione digitale per poi passare a una ano-rettoscopia o sigmoidoscopia, che possono rivelare una mucosa rettale infiammata. La terapia può fare uso di antibiotici e antinfiammatori corticosteroidi (cortisonici), a seconda dell’origine della patologia. Certamente sono utili anche le terapie più dolci che coadiuvano l’azione dei farmaci: ad esempio le creme contenenti acido ialuronico e ingredienti di origine vegetale, utili a livello locale per ridurre l’infiammazione e i sintomi connessi. Queste creme hanno la capacità infatti di favorire idratazione e lubrificazione della parte, e al contempo di di assicurare un’azione antinfiammatoria.

Alimentazione per la salute rettale

Come tutti i disturbi che colpiscono l’area anale, è necessario considerare che l’alimentazione corretta costituisce una forma di prevenzione importante. Migliorare la qualità della defecazione, evitando feci troppo dure, permette di ridurre il dolore e i bruciori evitando di peggiorare sintomatologia e condizioni cliniche. È fondamentale quindi privilegiare grassi buoni come l’olio extravergine di oliva, frutta e verdura mentre sono da evitare le sostanze potenzialmente irritanti come gli alimenti speziati e le bevande alcoliche. In ogni caso la proctite, di per sé condizione non preoccupante, va trattata per evitare ad esempio l’anemia, dovuta al frequente sanguinamento dal retto, con senso di stanchezza, capogiri, respiro corto, mal di testa, pallore e irritabilità. Attenzione inoltre a ulcere e fistole che potrebbero essere segno di un aggravamento della condizione, se non trattata.

Share:

Seleziona almeno un argomento e ricevi i consigli adatti a te.