Star Bene

Tutti i consigli per stare bene e vivere al meglio

Emorroidi, occhio al caldo!

Emorroidi, occhio al caldo!

Chi soffre di emorroidi sa bene come l'estate sia probabilmente il periodo peggiore dell'anno, quanto a fastidi e disagio. È abbastanza intuitivo: il caldo, infatti, aumenta la vasodilatazione e pertanto anche i vasi emorroidari (le vene dell'ano) possono gonfiarsi e causando dolore. Alcuni comportamenti legati alla stagione calda e all'elevata temperatura di per sé possono favorire il disturbo emorroidario. Ad esempio i lunghi viaggi in auto o in moto, dal momento che stare seduti per molte ore può alterare la circolazione sanguigna a livello anorettale favorendo la formazione di coaguli alle emorroidi, con sanguinamento e dolore. Del resto il caldo accumulato sui sedili di un’auto o di una moto è veramente deleterio, portato l'area anale a temperature veramente eccessive fino a causare edemi.

Attenzione all'igiene e all'alimentazione

Anche la bicicletta, specie se il sellino è bollente, può peggiorare la sintomatologia: compressione, calore e sobbalzi non fanno certo bene. Inoltre il caldo può facilitare l'infiammazione delle aree intime, soprattutto laddove i peli e la scarsa aerazione creano un ambiente caldo e umido. Così la regione anale e perineale, molto delicata anche se sana, può irritarsi. Il tutto però peggiora se l'alimentazione non è regolare, come spesso accade d'estate: in questi casi un'irregolarità dell'alvo (con diarrea o stitichezza) può accentuare l'infiammazione di un disturbo emorroidario già presente.

Rimedi locali contro le emorroidi                        

Non è tutto qui. Le emorroidi sono spesso legate alla stitichezza, che impone sforzi evacuativi che causano alla lunga la fuoriuscita delle emorroidi. Proprio con la stagione calda l'incidenza del disturbo aumenta, ad esempio in occasione di viaggi e a causa del diverso regime alimentare. Il consiglio è quindi quello di migliorare la qualità del cibo che ingeriamo, bevendo sempre molta acqua. Evitiamo l'uso di lassativi, se stitici, preferendo cibi con molte fibre. Oltre a fare attività fisica, ricordiamoci di prestare attenzione a ridurre l'assunzione di cibi grassi, alcolici, fritti, cioccolata, caffè e spezie. E magari approfittiamo dell'estate per smettere di fumare. Un buon consiglio per la cura dei disturbi anali è poi quello di indossare biancheria intima comoda prendendoci pause durante i viaggi. Per lenire il fastidio anale (sia che si presenti come dolore, bruciore o prurito) è consigliabile usare creme e gel lubrificanti a uso topico, ad esempio a base di acido ialuronico, che favoriscono il ripristino della salute di cute e mucose. Se il caldo eccessivo e la compressione sono dannosi, impacchi di acqua tiepida sono invece una buona soluzione: aiuteranno la naturale guarigione.

Share:

Seleziona almeno un argomento e ricevi i consigli adatti a te.