Star Bene

Tutti i consigli per stare bene e vivere al meglio

Alimentazione varia, l’importanza delle fibre

Alimentazione varia, l’importanza delle fibre

Un’alimentazione varia, completa ed equilibrata è la base della nostra salute. Del resto secondo l’Organizzazione mondiale della sanità circa un terzo delle malattie cardiovascolari e dei tumori potrebbero essere evitati mangiando meglio. Il nostro organismo ha bisogno di molti tipi di nutrienti: se alcuni sono fondamentali per rispondere al fabbisogno di energia, altri assicurano invece i processi fisiologici, altri ancora hanno funzioni protettive. Ruolo fondamentale è ricoperto dalle fibre. Mangiare alimenti integrali in particolare fa bene a tutto l'organismo: oggi ormai si trovano nei supermercati quasi ogni tipologia di alimento in versione integrale. Pane, pasta, biscotti, cereali integrali tengono a bada i picchi insulinici e abbassano il livello glicemico. Sappiamo infatti che gli alimenti integrali hanno un indice glicemico basso. Anche frutta e ortaggi sono chiaramente una fonte importantissima di fibre: sono inoltre ricchi di vitamine e minerali e contengono buone dosi di antiossidanti, sostanze protettive contro la degenerazione cellulare. Vanno consumati con buona frequenza il pesce, che ha anch’esso un effetto protettivo sulle malattie cardiovascolari grazie al contenuto in grassi omega3, e i legumi, che rappresentano la fonte più ricca di proteine vegetali e sono inoltre ricchi di fibre.

Fibre, alleate del dimagrimento

Non dimentichiamoci che le fibre alimentari sono un importante e del tutto naturale rimedio naturale contro la stipsi. Migliorando il transito intestinale, garantiscono un funzionamento ottimale dell’intestino, evitano spiacevoli conseguenze (anche psicologiche) della stitichezza e permettono un miglior assorbimento dei nutrienti. Le fibre inoltre sono un ottimo alleato nel mantenimento del peso corporeo. Del resto mangiare cibi integrali è un modo semplice e gustoso per perdere più velocemente i chili di troppo: mangiare più fibre infatti ci fa sentire sazi più a lungo e riduce l'assorbimento dei grassi contenuti nei cibi, controllando così anche i livelli di colesterolo Ldl (quello “cattivo”) nel sangue.

La dieta del benessere

Ricordiamoci che le fibre vanno sempre ingerite insieme a una buona quantità di acqua e liquidi in genere. Sono almeno tre i litri d’acqua giornalieri necessari al nostro organismo per funzionare al meglio. Il motivo? Aumentano il volume delle feci stimolando la spinta alla loro espulsione. Se soffriamo di stitichezza, e dunque vogliamo ingerire più fibre, controlliamo la nostra alimentazione già dalla colazione: scegliamo ovviamente cereali integrali e frutta, preferendo ad esempio prugne e kiwi. Ottimo anche lo yogurt, fonte di probiotici, mentre evitiamo il tè, che è astringente. A pranzo dovremmo evitare i cibi più salati e grassi: in particolare burro e formaggi. La verdura fresca e le insalate sono consentiti, a inizio pasto: oltre a portare liquidi, nutrono in modo equilibrato. Pasta, pane e riso sono concessi ma meglio se integrali.

Share:

Seleziona almeno un argomento e ricevi i consigli adatti a te.